Sofocle – Antigone

Edizioni Einaudi

pagine 46

“Il ‘bando’ di Antigone “condanna” Ismene all’ordine della pólis; solo lì potrà abitare, non importa sotto quali leggi, suddita per sempre. Nel tempo della pólis dovranno instancabilmente cercare occasionali compromessi la prudenza degli anziani e la volontà di potenza dei regnanti, la timorosa pietas di Ismene e la paura servile della prima guardia, immagine di quella del plethos, della plebe disprezzata da Antigone. Qui sarà chiamato a sopravvivere Creonte, sconfitto insieme al cieco Tiresia. Dura legge e dura prova, la cui necessità la parola tragica enuncia senza ombra di consolazione. E perciò il pathos che suscita fa sapere – e solo nel sapere ‘guarisce’.” (dall’introduzione di Massimo Cacciari)

Un commento di Gherardo Colombo

Le leggi sono sempre giuste, qualunque sia il loro contenuto?