Una separazione, di Aghard Farhadi

IRAN 2011
123 minuti

Nader e Simin hanno ottenuto il visto per lasciare l’Iran ma Nader si rifiuta di partire e abbandonare il padre affetto da Alzheimer. Simin intende chiedere il divorzio per partire lo stesso con la figlia Termeh e, nel frattempo, torna a vivere da sua madre. Nader deve assumere una giovane donna, Razieh, che possa prendersi cura del padre mentre lui lavora, ma non sa che la donna, molto religiosa, non solo è incinta ma sta anche lavorando senza il permesso del marito. Ben presto Nader si troverà coinvolto in una rete di bugie, manipolazioni e confronti, mentre la sua separazione va avanti e sua figlia deve scegliere da che parte stare e quale futuro avere

“All’ultima Berlinale ha sbancato, vincendo l’Orso d’oro come miglior film e due Orsi d’argento collettivi per le interpretazioni maschili e femminili. Se li merita tutti, perché questo dramma diretto dal regista di About Elly riesce a raccontare la contemporaneità in Iran ma anche la complessità dei rapporti umani in generale, partendo dalla storia minima di due coniugi che si separano perché lei non riesce ad accettare che lui non voglia andarsene e crescere la loro figlia in Occidente”
(Paola Caella, Europa, 22 ottobre 2011)